L’eucaristia

L’eucaristia
I giorni del CORPUS DOMINI dovrebbero essere dedicati alla riflessione del significato dell’Eucaristia per il cristiano. Viviamo gli avvenimenti liturgici e sacri con la superficialità e la banalità che sfiorano l’indolenza, quasi il peccato. Gesù ci dice che lui è il pane del cielo, e noi che ci nutriamo di esso, dimentichiamo spesso che dopo esserci nutriti dobbiamo nutrire gli altri, spezzarci per il prossimo, così come Cristo si offrì per amore fino alla croce. Non c’è cristiano che possa dirsi tale se contravvenisse alla legge dell’amore che Gesù ribadì quella sera dell’ultima cena, richiamando la nostra adesione a lui facendoci bere lo stesso suo calice, che significa condividerne il destino, e spezzando quel pane del cielo, segno della nostra vita donata al bene di tutti e alla condivisione, che nell’ultimo giorno della sua morte in croce ci ha dato la vita che supera la morte. L’amore vince sulla morte. “Coraggio, io ho vinto il mondo”, furono le sue parole ai discepoli preso dallo scoramento qualche ora prima dell’ignominiosa morte. Chi dona la sua vita per gli altri non è sconfitto ma vive la sua vita in pienezza che supera la morte. Se Gesù rimanesse il prigioniero dei tabernacoli vana sarebbe stata tutta la sua vita e ancor più la sua morte. Nessuno può appropriarsi del pane eucaristico poiché egli è venuto per i malati e non per i sani, e nutrirsene non è un premio per i più meritevoli ma una necessità per i nostri bisogni, e chi può essere più bisognoso di un peccatore? Non si deve essere degni e puri per ricevere il Signore, ma è riceverlo e accettarlo che rende le persone degne e pure. Nessuno può diventare possessore del pane e doganiere dei sacramenti, nessuno può mettere il timbro o dare la certificazione di buona condotta ad un altro per ricevere il sacramento eucaristico. La chiesa ha molto da correggere e rivedere in questo a cominciare dalla lettura di paolo ai Corinzi interpretata sempre in modo scorretto e usata come scudo contro chi potrebbe accostarsi indegnamente alla eucarestia

Precedente cammino Successivo Perché lo facciamo